Molossi (MAIE Brasile):Presto il Presidente Ricardo Merlo in Brasile

Luis Molossi, (MAIE Brasile):"Presto il Presidente Merlo in Brasile per denunciare tassa cittadinanza, istituita dal Governo Renzi, che finisce nelle tasche della burocrazia romana”

molossiRoma, 20 giugno 2016:- Luis Molossi, avvocato italo-brasiliano, Consigliere COMITES PR/SC, Consultore Veneto PR e Coordinatore  MAIE Brasile ha partecipato la settimana scorsa alle riunioni della Consulta Veneta in Italia. Dopo i lavori della Consulta e prima del rientro a Curitiba, Molossi è passato da Roma per fare il punto sulla situazione dei nostri connazionali in Brasile e pianificare azioni contro l'odiosa tassa di cittadinanza, istituita dal Governo Renzi (PD). "La tassa di 300 euro sulla cittadinanza toglie i soldi dalle tasche degli italiani all'estero per portarli in quelle della burocracia romana, senza che neanche un euro sia reinvestito nella già indebolita rete consolare italiana, che non ce la fa più a dare i servizi a nostri connazionali." ha dichiarato Luis Molossi, che ha poi aggiunto:" Sono nel  MAIE fin dal 2008; da allora non ho mai smesso di militare nel Movimento Associativo diventando il coordinatore MAIE Brasile. Stiamo preparando a breve una visita del Presidente Merlo in Brasile e organizzando azioni contro l'irragionevole tassa di cittadinanza pagata dagli italiani all'estero che finisce alla burocrazia romana”.

rega molossiL'on. Borghese ha dichiarato: “ Non capisco l'atteggiamento di alcuni colleghi che protestano e raccolgono firme contro questa tassa e poi votano sempre a favore del governo che l'ha istituita e la sostiene. Prima votano a favore della tassa e dopo protestano contro la stessa tassa…sembra proprio una presa in giro”.Da parte sua, il Presidente del MAIE, Ricardo Merlo, ha dichiarato: “Fra poco saremo in Brasile per denunciare, insieme ai nostri connazionali, questa ridicola situazione. Il Governo Renzi ha riscosso ad oggi circa 21 milioni di Euro, pagati da coloro che iniziano una pratica di cittadinanza,  che finiscono al 100% nella burocrazia dello Stato e neanche un euro viene utilizzato per migliorare i servizi consolari. Proprio una presa in giro. Il Brasile è uno dei paesi più danneggiati da questo trasferimento di risorse dagli italiani all'estero a Roma, con una rete consolare che non risponde per niente ad una popolazione italianacosì numerosa. Un' altra beffa del Governo Renzi contro gli italiani all'estero”.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x